Oggetto: supportare la localizzazione e il consolidamento di start up innovative e favorirne la crescita nei settori produttivi e nelle filiere strategiche presenti nel proprio territorio.

Soggetti beneficiari: MPMI in possesso dei seguenti requisiti soggettivi di ammissibilità:
• devono essere regolarmente costituite;
• devono risultare, alla data del 31/05/2021, registrate nella Sezione speciale del Registro delle Imprese dedicata alle start up innovative;
• l’unità locale, dove viene realizzato il progetto per cui si richiede il contributo, dovrà possedere il codice Ateco primario rientrante tra quelli ammissibili, previsti nell’appendice 2. A tale riguardo si fa riferimento al codice Ateco 2007 primario quale risulta da visura camerale ;
• devono essere attive e non essere sottoposte a procedure di liquidazione (anche volontaria), fallimento, concordato preventivo, amministrazione controllata o altre procedure concorsuali in corso o antecedentemente la data di presentazione della domanda;
• non devono presentare le caratteristiche di impresa in difficoltà.

Progetti finanziabili:
Sono finanziabili i progetti finalizzati alla realizzazione di piani imprenditoriali di investimento per lo sviluppo e la commercializzazione di nuovi prodotti, servizi e modelli di business.
In particolare, i progetti:
• dovranno essere realizzati in una unità locale situata nel territorio dell’Emilia-Romagna regolarmente censita presso la CCIAA di competenza.
L’unità locale, qualora non operativa al momento della presentazione della domanda, dovrà risultare operativa entro il 31/12/2021 ed entro il 28/02/2022 dovrà essere comunicato all’amministrazione regionale, a pena di decadenza dal beneficio. Non sarà contemplata l’individuazione come sede produttiva di una unità locale adibita a uso logistico e commerciale o ufficio di rappresentanza;
• dovranno rientrare in uno dei seguenti ambiti prioritari individuati nella Strategia Regionale di Specializzazione Intelligente:
– Sistema Agroalimentare;
– Edilizia e costruzioni;
– Industrie della salute e del benessere;
– Meccatronica e motoristica;
– Industrie culturali e creative;
– Innovazione nei servizi.

• dovranno avere una ricaduta innovativa e di potenziale impatto occupazionale su uno dei seguenti ambiti:
– Transizione digitale;
– Transizione energetica;
– Economia circolare;
– Salute e benessere;
– Cultura e creatività.

• dovranno essere basati su una soluzione innovativa da proporre al mercato, già individuata al momento della presentazione della domanda di agevolazione, con un chiaro impatto in termini di sostenibilità ed in grado di contribuire al raggiungimento degli obiettivi dell’agenda 2030;
• dovranno prevedere uno o più tra i seguenti interventi:
– sviluppo produttivo di risultati di ricerca o di soluzioni tecnologiche derivanti da una o più tecnologie abilitanti;
– messa a punto del modello di business;
– adattamento di prodotti/servizi alle esigenze di potenziali clienti;
– ingegnerizzazione di prototipi e piani di sviluppo industriale (scale-up);
– apertura e/o sviluppo di mercati esteri;
• dovranno prevedere l’impegno diretto dei soci dell’impresa proponente e/o di un team, dotati di capacità tecniche e gestionali adeguate, in termini di apporto tecnologico e lavorativo.
È prevista la possibilità di accompagnare i progetti con una relazione di supporto effettuata da un “soggetto accompagnatore”.
Con il termine “soggetto accompagnatore” si fa riferimento:
– a incubatori certificati di start up innovative;
o in alternativa
– a incubatori e acceleratori (pubblici, privati, corporate, universitari, italiani ed esteri, ecc.) ovvero organizzazioni che accelerano e rendono sistematico il processo di creazione di nuove imprese innovative, fornendo loro servizi di supporto integrati che includono a titolo esemplificativo un sottoinsieme dei seguenti servizi:
– spazi fisici ad uso ufficio e facilities di tipo logistico (sale riunioni, accesso a Internet, WiFi, stampanti, ecc.);
– laboratori e strumentazione ad uso delle start up;
– servizi di supporto allo sviluppo del business (formazione su temi legati alla imprenditorialità innovativa e al fare impresa, accompagnamento manageriale, supporto alla redazione del Business Plan, consulenze in materia di costituzione societaria, sviluppo del business model, mentoring, marketing, supporto alle vendite, supporto alla gestione della proprietà intellettuale, servizi amministrativi, legali e giuridici, supporto al fundraising, ecc.);
– opportunità di integrazione e di networking (con centri di ricerca, aziende, altre start up, investitori, distributori, società di ingegneria di prodotto, ecc.);

Non sono considerate valide le relazioni di accompagnamento compilate da:
– soggetti che erogano sola formazione legata ai temi dell’imprenditorialità;
– soggetti che organizzano premi e call in cui non è previsto un percorso di incubazione/accelerazione.
La relazione di accompagnamento andrà rilasciata a start up che partecipano o hanno partecipato a percorsi dell’incubatore/acceleratore negli ultimi 2 anni.

Agevolazioni: contributo a fondo perduto pari al 60% delle spese ammissibili per un massimo di € 150.000,00.
La misura del contributo è incrementata di:
a) 10 punti percentuali, nel caso in cui i progetti proposti prevedano l’assunzione di almeno una persona con contratto a tempo indeterminato e stabilmente collocata nell’unità locale nella quale si realizza il progetto.
b) 5 punti percentuali (si applicherà un unico incremento per una delle situazioni sotto descritte):
– qualora l’attività di impresa del richiedente sia caratterizzata dalla rilevanza della presenza femminile e/o giovanile in termini di partecipazione finanziaria al capitale sociale;
oppure
– nel caso in cui i soggetti proponenti i progetti operino, con riferimento alle unità locali dove si realizza l’intervento, nelle aree montane;
oppure
– nel caso in cui i soggetti proponenti i progetti operino, con riferimento alle unità locali dove si realizza l’intervento, nelle aree dell’Emilia-Romagna comprese nella carta nazionale degli aiuti di stato a finalità regionale approvata dalla Commissione Europea.
Le premialità sopra indicate saranno applicate esclusivamente qualora il richiedente ne dichiari espressamente la sussistenza nella domanda di contributo.

Tempistica: le domande possono essere presentate dalle ore 13:00 del 22/06/2021 fino alle ore 13:00 del 29/07/2021.