SOSTEGNO A INVESTIMENTI DI NUOVE IMPRESE (START-UP)” – GAL ANTICO FRIGNANO E APPENNINO REGGIANO

Tempistica: Le domande possono essere presentate fino alle ore 17:00 del 25/09/2020

Territorio di riferimento: Regione Emilia Romagna –  GAL Antico Frignano e Appennino Reggiano*

Oggetto: Favorire l’avviamento e lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali in ambito extra – agricolo al fine di incentivare e sostenere processi di crescita economica e occupazionale in aree potenzialmente soggette ad abbandono contribuendo positivamente a favorire processi di innovazione in area rurale e al mantenimento del tessuto sociale.

Soggetti proponenti, Possono presentare domanda:

·        persone fisiche che intendono costituire micro o piccola impresa extra – agricola;

·        imprese individuali, le società (di persone, di capitale, cooperative), soggetti che esercitano la libera professione (purché in forma individuale) e le associazioni non partecipate da soggetti pubblici,  con caratteristiche di  micro e piccole imprese,  costituite  da  non  più di un anno alla data di protocollazione della domanda di agevolazione  che esercitano attività extra – agricola* in forma esclusiva.

Requisiti:

Persone fisiche

·        avere età pari o superiore a 18 anni al momento di presentazione della domanda di agevolazione;

·        non beneficiare di pensione di anzianità o vecchiaia;

·        essere in possesso della cittadinanza di uno degli Stati membri dell’U.E.;

·        non essere stato titolare/contitolare di impresa nei 12 mesi antecedenti la domanda;

·        presentare un Piano di Sviluppo Aziendale (PSA) di durata fino a massimo 18 mesi;

·        risultare iscritto all’Anagrafe regionale delle Aziende Agricole con posizione debitamente validata e fascicolo dematerializzato;

·        prevedere la creazione di una PMI extra – agricola;

·        il beneficiario persona fisica, può costituirsi entro 60 giorni dall’atto di concessione dell’agevolazione come:

– Ditta individuale (è possibile la modifica della titolarità dell’impresa da ditta individuale a società di persone o capitali anche nel corso dei 3 anni di vincolo di durata dell’attività);

– Società di persone (se il beneficiario si  insedia in qualità di contitolare in società di persone, il contributo viene corrisposto a condizione che la responsabilità per la gestione ordinaria e per quella straordinaria, quale risultante dal patto societario, sia in capo al beneficiario in modo tale per cui le sue decisioni non possano essere inficiate dagli ulteriori soci. Pertanto, nelle forme di società semplice e di società in nome collettivo, il beneficiario dovrà essere anche amministratore della società);

– Società di capitali o cooperativa (il beneficiario stesso deve acquisire la qualifica di socio e rivestire un ruolo di responsabilità nella conduzione dell’azienda medesima e comunque in modalità tale per cui le decisioni del beneficiario non possano essere inficiate dagli ulteriori soci).

Micro e piccole imprese costituite da non più di un anno

·        essere iscritti alla Camera di Commercio;

·        per i liberi professionisti essere in possesso di Partita Iva rilasciata dall’Agenzia delle Entrate per lo svolgimento dell’attività;

·        aver fatto richiesta di apertura della Partita Iva da non più di 1 anno alla data di presentazione della domanda di agevolazione;

·        risultare iscritte all’Anagrafe regionale delle Aziende Agricole con posizione debitamente aggiornata, validata e fascicolo dematerializzato;

·        presentare un Piano di Sviluppo Aziendale di durata fino a massimo  18 mesi;

·        avere, in caso di società, durata del contratto societario almeno pari a quella del periodo di vincolo di destinazione delle opere;

·        avere una posizione previdenziale regolare.

Non sono ammissibili:

·        imprese con codice ATECO agricolo;

·        Produzione di armi e munizioni (Codice ATECO 25.40);

·        Giochi d’azzardo (Codice ATECO 92);

·        Commercio al dettaglio di articoli per adulti (Codice ATECO 47.78.94).

Progetti finanziabili: Sono finanziabili i progetti di avviamento e di sviluppo di nuove attività imprenditoriali extra – agricole nelle aree del  GAL Antico Frignano e Appennino Reggiano.

Spese ammissibili, Sono ammissibili le seguenti tipologie di spesa:

·        Costruzione/ristrutturazione immobili destinati all’attività extra agricola oggetto del finanziamento;

·        Arredi funzionali all’attività extra agricola;

·        Macchinari, impianti, attrezzature per la lavorazione/trasformazione/conservazione e vendita dei prodotti e/o servizi offerti o somministrati;

·        Opere, attrezzature ed impianti finalizzati al contenimento dei consumi energetici nei cicli di lavorazione e/o erogazione dei servizi, compresi l’isolamento termico degli edifici e la razionalizzazione e/o sostituzione dei sistemi di riscaldamento e condizionamento e solo se determinano un risparmio energetico pari o maggiore al  20%  rispetto alla situazione di partenza nonché opere relative al il riciclaggio e riutilizzo dei rifiuti;

·        Veicoli purché strettamente funzionali alle attività extra agricola oggetto del finanziamento (compresi allestimenti e dotazioni specifiche) per un importo di spesa massima ammissibile pari a € 20.000,00 e nel limite del 50% dell’importo del PSA;

·        Investimenti immateriali quali: acquisizione/sviluppo programmi informatici, acquisizione di licenze per uso di brevetti o software informatici, promozione e comunicazione

·        Spese generali, quali onorari di professionisti/consulenti, spese notarili e studi di fattibilità, entro il limite massimo del 10% delle spese di cui ai punti precedenti.

LIMITI DI SPESA:

·        Minimo € 10.000,00

·        Massimo € 100.000,00

Tipologia di agevolazione: contributo a fondo perduto

Intensità dell’agevolazione: 60% delle spese ammissibili