Tempistica: Le domande devono essere presentate entro il 27/10/2018

Territorio di riferimento: Regione Lazio

Oggetto: Interventi regionali per lo sviluppo del cinema e dell’audiovisivo

Soggetti proponenti: Possono presentare domanda di contributo enti pubblici, enti privati, incluse associazioni di categoria, operanti nei settori di riferimento.
I soggetti privati proponenti non devono svolgere attività partitiche o politiche, ed operare nel rispetto delle disposizioni in materia di obblighi contributivi

Progetti finanziabili: Sono finanziabili i progetti da realizzare sul territorio regionale riguardanti le seguenti linee d’intervento:
– attività di educazione e sensibilizzazione del pubblico sulla cultura audiovisiva tramite programmi educativi, anche mediante l’uso delle nuove tecnologie;
– iniziative che prevedono l’uso del cinema e degli audiovisivi come momento di prevenzione del disagio sociale, della marginalizzazione e della disabilità;
– iniziative che prevedono l’uso del cinema e degli audiovisivi finalizzate alla promozione delle diversità delle espressioni culturali;
– iniziative riguardanti festival e rassegne di cinema italiano, europeo o internazionale, con particolare attenzione ai nuovi linguaggi espressivi;
– eventi (convegni, workshops, ecc.) che riguardano l’evoluzione dell’industria audiovisiva, i contenuti, l’approccio del pubblico giovane alle nuove tendenze e tecnologie;
– promuovere le attività di conservazione, restauro e fruizione del patrimonio cinematografico e audiovisivo.
Le proposte progettuali devono avere ad oggetto interventi fruibili gratuitamente dal pubblico, che, per le caratteristiche di realizzazione, la tipologia di pubblico e di eventuali investitori coinvolti, nonché le modalità di promozione utilizzate, abbiano carattere locale.
Sono quindi inammissibili i progetti riguardanti grandi eventi di rilievo internazionale, ampiamente promossi al di fuori del territorio di riferimento ed idonei ad attrarre pubblico od investitori provenienti, appositamente, da altri stati membri dell’U.E.

Retroattività: No. Le iniziative devono essere realizzate tra il 1/01/2019 e il 31/12/2019

Agevolazioni:

Tipologia di agevolazione: contributo a fondo perduto
Intensità agevolazione: 60% dei costi totali ammissibili
Importo massimo concedibile: € 30.000,00. Inoltre, l’importo concedibile non potrà superare quanto necessario a consentire il pareggio di bilancio del progetto, inteso quale differenza tra spese ed entrate.

Documentazione:

a) (Per i soggetti privati) atto costitutivo dell’ente nonché statuto aggiornato, ovvero dichiarazione che tali documenti sono già in possesso dell’Amministrazione regionale con indicazione della struttura che li detiene, e che non sono intervenute modifiche rispetto a tali atti;
b) (per i soggetti pubblici e privati) dichiarazione del legale rappresentante dalla quale risulti se, per la medesima iniziativa, siano stati richiesti o s’intendano richiedere contributi o agevolazioni ad altri enti pubblici o ad altre strutture regionali. La presente dichiarazione va presentata anche nel caso in cui non siano stati richiesti o non si intendano richiedere tali contributi;
c) (per i soggetti pubblici e privati) fotocopia del documento d’identità del legale rappresentante;
d) (per i soggetti pubblici e privati) documentazione comprovante le attività svolte nel settore negli ultimi 3 anni (fatto salvo per i soggetti di nuova costituzione);
e) (per i soggetti privati) dichiarazione di regolarità contributiva;
f) (per i soggetti pubblici e privati) dichiarazione, qualora beneficiari di contributo anche per l’annualità 2018, di aver regolarmente portato a termine l’iniziativa e aver presentato idonea rendicontazione entro i termini stabiliti;
g) idea progettuale.

La Profima Srl si riserva la facoltà di richiedere, attraverso i suoi progettisti, documentazione ulteriore e aggiornata ai fini della progettazione.