Tempistica: Le domande possono essere presentate entro il 22/07/2019

Territorio di riferimento: Regione Lombardia – Provincia Bergamo

Oggetto: Promuovere l’iscrizione nel Registro delle imprese e dei liberi professionisti iscritti agli ordini e collegi professionali, nonché incentivare l’inserimento di giovani studenti in percorsi di alternanza scuola-lavoro.

Soggetti proponenti: Possono presentare domanda le imprese e i professionisti iscritti agli ordini e ai collegi professionali, che dal momento della presentazione della domanda e fino alla liquidazione del contributo, rispondano ai seguenti requisiti:
a) abbiano una sede nella provincia di Bergamo;
b) siano iscritti nel Registro nazionale alternanza scuola-lavoro – http://scuolalavoro.registroimprese.it;
c) abbiano regolarmente assolto gli obblighi contributivi previdenziali e assistenziali (Inps/Inail/Casse Edili);
d) non abbiano già beneficiato di altri aiuti pubblici a valere sui medesimi interventi agevolati.
Le imprese richiedenti dovranno inoltre essere regolarmente iscritte al Registro delle imprese della Camera di Commercio di Bergamo, attive e in regola con il pagamento del diritto annuale, e non dovranno trovarsi in stato di fallimento, liquidazione, amministrazione controllata, concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente.
I liberi professionisti dovranno essere iscritti ad un ordine e collegio professionale.
Non sono ammesse ai benefici le aziende pubbliche e le imprese il cui capitale sociale è detenuto per più del 25% da Enti o Aziende pubbliche. Non sono inoltre ammessi gli enti di diritto privato di cui agli articoli da 13 a 42 del codice civile, che forniscono servizi a favore della Camera di Commercio di Bergamo, anche a titolo gratuito.

Progetti finanziabili: Sono finanziabili le seguenti due misure che rispondono a modalità differenti di svolgere l’alternanza scuola-lavoro.

Misura A – Tirocini curriculari
Sono ammessi alle agevolazioni le attività previste dalle singole convenzioni stipulate fra i soggetti richiedenti e gli Istituti scolastici/CFP per la realizzazione di percorsi di alternanza scuola-lavoro intrapresi, nella provincia di Bergamo, da studenti della scuola secondaria di secondo grado e dei centri di formazione professionale (CFP).
I percorsi dovranno essere realizzati a valere sull’anno scolastico 2018/2019, a partire dal 01/09/2018 con termine entro il 31/08/2019 e dovranno avere una durata minima di 60 ore.
Il contributo sarà erogato solo a fronte di percorsi di alternanza scuola-lavoro effettivamente svolti e rendicontati.
I tutor aziendali indicati nei progetti formativi individuali, oggetto dei percorsi di alternanza scuola-lavoro, potranno essere designati dai soggetti richiedenti anche tra soggetti esterni agli stessi e dovranno essere in possesso di esperienza e di competenze professionali adeguate ai fini del raggiungimento degli obiettivi indicati nei progetti stessi.
Al fine di integrare le conoscenze con le nuove linee di indirizzo camerali in termini di alternanza scuola lavoro,
il tutor aziendale indicato nel progetto formativo oggetto di rendicontazione, individuato dal soggetto richiedente, dovrà essere in possesso dell’attestato di frequenza a uno dei percorsi di formazione gratuito, della durata di 4 ore, appositamente organizzati da Bergamo Sviluppo – Azienda Speciale della Camera di Commercio di Bergamo. Nel caso di presentazione di più progetti formativi, sarà sufficiente che almeno uno dei tutor aziendali indicati negli stessi sia in possesso dell’attestato di frequenza.

Misura B – Project work e/o impresa formativa simulata
Sono ammessi alle agevolazioni le attività previste dalle convenzioni stipulate fra i soggetti richiedenti e gli Istituti scolastici per la realizzazione di percorsi di alternanza scuola lavoro, intrapresi nella provincia di Bergamo attraverso la formula del project work e/o dell’impresa formativa simulata, da studenti della scuola secondaria di secondo grado.
Il project work è una modalità di alternanza scuola lavoro che consiste in un vero e proprio progetto commissionato da un’azienda o da un professionista. La metodologia del “lavoro su commessa” permette agli studenti delle classi coinvolte di simulare le funzionalità di un’azienda e lavorare insieme mettendo in atto tutte quelle strategie per raggiungere l’obiettivo in modo efficace. L’obiettivo è la realizzazione del prodotto/servizio finale richiesto nel rispetto dei vincoli temporali e tecnologici aziendali.
I percorsi dovranno essere realizzati a valere sull’anno scolastico 2018/2019, a partire dal 01/09/2018 con termine entro il 31/08/2019 e devono impegnare direttamente l’impresa/il professionista per almeno 20 ore su un progetto della durata complessiva uguale o superiore alle 60 ore o per almeno 40 ore su un progetto che abbia una durata complessiva uguale o superiore alle 80 ore.

Agevolazioni: L’agevolazione prevede il riconoscimento di un contributo a fondo perduto a favore del soggetto ospitante pari a:
Misura A:
€ 700,00 per ogni studente, fino ad un massimo di 10 studenti. Nel caso di inserimento di studenti diversamente abili, certificati ai sensi della Legge 104/92, il contributo sarà pari a € 900,00 per ogni studente.
Il contributo concesso sarà erogato a fronte dei tirocini della durata minima di 60 ore effettivamente svolti.
Misura B:
– € 1.500,00 per ogni progetto di alternanza realizzato nella formula del project work o dell’impresa formativa simulata, a fronte di un impegno di almeno 20 ore su un progetto che abbia una durata complessiva uguale o superiore alle 60 ore.
– € 2.500,00 per ogni progetto di alternanza realizzato nella formula del project work o dell’impresa formativa simulata, a fronte di un impegno di almeno 40 ore su un progetto che abbia una durata complessiva uguale o superiore alle 80 ore.
Ogni soggetto potrà richiedere un contributo per un massimo di due progetti.
Il contributo concesso sarà erogato a fronte di progetti di project work e/o di imprese formative simulate effettivamente realizzati.

Documentazione:

  • Copia di un documento di identità, in corso di validità, del firmatario della domanda di contributo;
  • copia della/e convenzione/i stipulata/e tra soggetto ospitante e soggetto proponente relativa ai progetti di alternanza per i quali è richiesto il contributo.

La Profima Srl si riserva la facoltà di richiedere, attraverso i suoi progettisti, documentazione ulteriore e aggiornata ai fini della progettazione.