Tempistica: Le domande possono essere presentate dalle ore 9:00 del 19/10/2018 fino alle ore 13:00 del 19/11/2018

Territorio di riferimento: Territorio Nazionale

Oggetto: Con l’Avviso n. 2/2018 Fondimpresa intende favorire, con la concessione di un contributo aggiuntivo alle risorse del Conto Formazione aziendale, la realizzazione di Piani formativi aziendali o interaziendali condivisi rivolti ai lavoratori delle PMI aderenti.

Soggetti proponenti: Possono beneficiare del contributo aggiuntivo di Fondimpresa esclusivamente le PMI aderenti che rispettano, alla data di presentazione del Piano in cui ne fanno richiesta, in forma singola o associata, tutte le condizioni di seguito indicate (in caso di Piano interaziendale, tutti i requisiti richiesti nei punti da 1 a 6 devono essere posseduti da ciascuna delle aziende che partecipa al Piano con i propri lavoratori):

1. adesione a Fondimpresa già efficace;

2. presenza di un saldo attivo (importo disponibile maggiore di zero) sul proprio Conto Formazione presso Fondimpresa, risultante dalla somma degli importi effettivamente disponibili su tutte le matricole INPS per cui l’azienda ha aderito al Fondo. Nel conteggio del saldo attivo non sono pertanto considerati gli importi dei versamenti “maturandi” (“Maturando residuo”);

3. possesso delle credenziali di accesso all’area riservata per la presentazione dei piani formativi del Conto Formazione;

4. aver maturato sul proprio Conto Formazione, nel periodo di adesione a Fondimpresa, un accantonamento medio annuo, al lordo degli eventuali utilizzi per piani formativi, non superiore a euro 10.000,00;

5. non avere presentato dopo il 31 dicembre 2016 alcun Piano a valere sugli Avvisi di Fondimpresa che prevedono la concessione di un contributo aggiuntivo al Conto Formazione, fatto salvo il caso in cui il Piano sia stato annullato o respinto.

6. presentare il Piano formativo aziendale o interaziendale, già condiviso con le parti sociali, a valere sul Conto Formazione della/e azienda/e coinvolta/e, con la richiesta del contributo aggiuntivo, entro i termini previsti dall’Avviso;

7. partecipazione al Piano di almeno 5 lavoratori per un minimo di 12 ore di formazione procapite in una o più azioni formative valide. Tale requisito deve sussistere sia a preventivo sia a consuntivo. Ciascuna impresa aderente al Piano interaziendale deve assicurare la partecipazione di almeno un lavoratore per un minimo di 12 ore di formazione, concorrendo insieme alle altre aziende partecipanti al raggiungimento del requisito minimo complessivo del Piano.

Ciascuna PMI aderente, in possesso di tutti i suddetti requisiti, può ricevere il contributo aggiuntivo di Fondimpresa per un solo piano formativo, aziendale o interaziendale, salvo che il Piano presentato in precedenza non sia stato annullato.

Soggetti destinatari: La partecipazione ai Piani finanziati nell’ambito dell’Avviso è riservata ai lavoratori, dipendenti delle imprese aderenti in possesso di tutti i requisiti di accesso previsti, per i quali esista l’obbligo del versamento del contributo integrativo.
Possono partecipare al Piano anche gli apprendisti, per attività formative diverse dalla formazione obbligatoria prevista dal loro contratto.
L’eventuale presenza in formazione di lavoratori privi dei requisiti richiesti per la partecipazione al Piano, anche solo in veste di uditori, oltre a non poter essere conteggiata ai fini della validità delle azioni formative e delle “ore dei partecipanti effettivi”, comporta anche l’applicazione di una riduzione percentuale sul costo rendicontato, commisurata al rapporto tra le ore svolte dai predetti lavoratori ed il totale delle ore di frequenza di tutti i partecipanti (effettivi e non).

Progetti finanziabili: Il Piano formativo per il quale si richiede il contributo aggiuntivo previsto dall’Avviso può riguardare tutte le tematiche formative, con esclusione delle attività formative organizzate per conformare le imprese alla normativa nazionale obbligatoria in materia di formazione e di ore di formazione che comportano lo svolgimento di attività produttive.

I Piano formativi finanziati possono essere aziendali o interaziendali. L’ambito del Piano può essere anche multi regionale. E’ in ogni caso escluso l’utilizzo nel Piano dei voucher formativi, ossia la partecipazione dei lavoratori a corsi a catalogo, anche se realizzati presso l’azienda titolare del Piano, o comunque a corsi formazione svolti da enti esterni che prevedono il pagamento di una quota di iscrizione.

Spese ammissibili: I costi ammissibili a finanziamento in relazione al Piano formativo vengono determinati, sia a preventivo che a consuntivo, applicando i seguenti costi unitari standard:
Euro 73,63 * Somma ore delle azioni formative (ore corso) valide (da “Quadro Riepilogativo” della sezione “Monitoraggio procedurale”) + Euro 10,17 * Somma ore partecipanti effettivi (frequenza per almeno il 70% del totale delle ore programmate dell’azione) alle azioni formative valide (ore allievo erogate) + Euro 676,71.
L’importo derivante dall’applicazione dei predetti costi unitari standard deve essere ridotto qualora risulti superiore al costo totale stimato dall’Azienda per le voci di spesa A. Erogazione della formazione + C. Attività preparatorie e di accompagnamento + D. Gestione (costi diretti e indiretti per le predette voci).
Il finanziamento del Piano non può infatti generare margini di profitto rispetto alle spese sostenute.
L’importo totale deve essere ripartito tra le voci di spesa del Piano, sulla base dell’importo risultante dai costi unitari standard o dalla riduzione operata dell’Azienda, tenendo conto dei seguenti limiti:

  • A – Erogazione della formazione = almeno l’80% del totale delle voci A+C+D.
  • C – Attività preparatorie e di accompagnamento ed attività non formative = max 12 % del totale delle voci A+C+D.
  • D – Gestione del Piano = max 8% del totale delle voci A+C+D.

I costi effettivi per la voce B – Costo del personale in formazione, possono essere imputati nel preventivo finanziario e nel rendiconto, esclusivamente a titolo di apporto privato, solo nel caso in cui l’azienda titolare o contitolare del Piano abbia optato per l’applicazione del Regolamento n. 651/2014 (Regolamento in esenzione)
Non devono invece essere previsti e imputati dalle aziende che hanno optato per l’applicazione del regolamento “de minimis”.
Il costo per ora di corso del Piano al netto del costo della voce B, calcolato dividendo il costo del Piano risultante dalla somma delle voci di spesa ammissibili a finanziamento (A+C+D) per la somma delle ore delle azioni formative valide del Piano non può superare, a preventivo e a consuntivo, l’importo massimo di euro 165,00.
Gli eventuali costi eccedenti tale parametro sono posti a carico della/e azienda/e proponente/i.

Retroattività: No

Agevolazioni:

CONTRIBUTO AGGIUNTIVO A PREVENTIVO
Il contributo aggiuntivo richiesto a Fondimpresa sulla base del preventivo di spesa del Piano, formulato sulla base dei costi ammissibili, deve rispettare la seguente intensità massima per azienda beneficiaria, rapportata al maturando iniziale dell’anno in corso su tutte le matricole del proprio Conto Formazione (“Totale Maturando”):

Maturando iniziale anno in corso

sul Conto Formazione (euro)*

Massimale Contributo aggiuntivo Azienda *

(euro)

fino a € 250,00€ 1.500,00
oltre €250,00 fino a € 3.000,00€ 3.000,00
oltre € 3.000,00 e fino a € 10.000,00100% del Maturando aziendale di inizio anno
oltre € 10.000,00Domanda non ammissibile
* su tutte le matricole INPS aziendali

Il contributo aggiuntivo del Conto di Sistema a preventivo viene determinato, nel rispetto dei predetti limiti di intensità massima, dalla differenza tra il costo totale del Piano, al netto dell’apporto privato (costo Piano a carico azienda), e tutte le risorse accantonate alla data di presentazione del Piano sul Conto Formazione dell’azienda proponente per tutte le sue matricole INPS. Tali risorse, interamente imputate nel Piano, sono costituite dalla somma degli importi totali delle voci “Disponibile” e “Maturando Residuo” del conto aziendale, come calcolati dal sistema informatico di gestione del Conto Formazione.
In caso di piano interaziendale le suddette condizioni si applicano a ciascuna PMI partecipante.

CONTRIBUTO AGGIUNTIVO A CONSUNTIVO
Il contributo aggiuntivo erogabile a consuntivo è determinato, entro e non oltre l’ammontare concesso da Fondimpresa in base al preventivo del Piano, dalla differenza tra l’importo complessivo del finanziamento Rendiconto finale approvato dal Fondo, al netto dell’apporto privato (costo Piano a carico azienda), e la totalità delle risorse finanziarie effettivamente disponibili sul Conto Formazione (al netto delle risorse impegnate su altri piani non ancora rendicontati), per tutte le matricole INPS dell’azienda beneficiaria.
Il contributo aggiuntivo sulle spese ammissibili non coperte dalla totalità delle disponibilità del Conto Formazione deve rispettare, oltre all’ammontare concesso da Fondimpresa con l’approvazione del Piano, l’intensità massima consentita per ciascuna azienda in base al regime di aiuti applicato.
In caso di piano interaziendale le suddette condizioni si applicano a ciascuna PMI partecipante.

Documentazione:

  • Visura camerale aggiornata;
  • Copia del piano formativo.

La Profima Srl si riserva la facoltà di richiedere, attraverso i suoi progettisti, documentazione ulteriore e aggiornata ai fini della progettazione.