Tempistica
Iter per la presentazione delle domande:

–          Compilazione delle domande: a partire dalle ore 10.00 del 10/04/2020

–          Invio delle domande: a partire dalle ore 10.00 del 20/04/2020

Procedura di selezione: valutativa (a sportello)
Territorio di riferimento:Regione Lazio
Oggetto
Rafforzare l’accesso al credito per le imprese della Regione, nonché a sostenere i progetti imprenditoriali aderenti al progetto di rigenerazione economica del tessuto produttivo regionale, ovvero di riposizionamento dei sistemi produttivi regionali e di specifiche filiere.
Soggetti proponenti
Possono presentare domanda le PMI, inclusi i Liberi Professionisti, i consorzi e le reti di imprese aventi soggettività giuridica, la cui attività d’impresa è stata danneggiata dall’emergenza COVID-19 e che:

·         abbiano fino a 9 dipendenti (ULA al 2019);

·         siano costituite* entro la data dell’8 marzo 2020;

·         al momento della presentazione della domanda risultino iscritte al Registro delle Imprese e abbiano Sede Operativa nel territorio della Regione Lazio, verificabile da idoneo titolo di disponibilità;

·         nel caso dei Liberi Professionisti, al momento della domanda siano titolari di partita IVA attiva e abbiano Domicilio Fiscale nel Lazio, verificabile da idoneo titolo di disponibilità;

·         abbiano una esposizione complessiva limitata ad €100.000,00 nei confronti del sistema bancario sui crediti per cassa a scadenza, rilevabile dalla Centrale dei Rischi Banca d’Italia, riferita all’attività di impresa.

 

I richiedenti, in fase di presentazione della domanda, attestano mediante dichiarazione autocertificata:

·         di aver subito danni a causa dell’emergenza COVID-19, per effetto della sospensione o della riduzione dell’attività;

·         di avere un fabbisogno di liquidità pari ad almeno Euro 10.000,00 in conseguenza dei danni subiti;

e, con riferimento al 31/12/2019:

·         di non presentare sofferenze e/o sconfinamenti in Centrale dei Rischi Banca d’Italia;

·         di non aver subito nell’ultimo anno la revoca per inadempimento di finanziamenti e/o affidamenti bancari;

·         di non essere oggetto di protesti e/o di iscrizioni e/o trascrizioni pregiudizievoli, con esclusione di quelle volontariamente concesse

 

Settori esclusi:

a) settore della pesca e dell’acquacoltura;

b) settore della produzione primaria dei prodotti agricoli;

c) settore della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli nei casi seguenti: i) qualora l’importo dell’aiuto sia fissato in base al prezzo o al quantitativo di tali prodotti acquistati da produttori primari o immessi sul mercato dalle imprese interessate, ii) qualora l’aiuto sia subordinato al fatto di venire parzialmente o interamente trasferito a produttori primari;

d) attività connesse all’esportazione verso paesi terzi o Stati membri, ossia aiuti direttamente collegati ai quantitativi esportati, alla costituzione e gestione di una rete di distribuzione o ad altre spese correnti connesse con l’attività d’esportazione;

e) aiuti subordinati all’impiego di prodotti nazionali rispetto a quelli d’importazione.

Sono inoltre, esclusi, i settori considerati “non etici”.

 

* La data di costituzione coincide:

a) per le imprese individuali: con la data di iscrizione alla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura;

b) per le società di persone: con la data di costituzione dell’atto costitutivo,

c) per le società di capitali, i consorzi e le reti di imprese: con la data di iscrizione nel Registro delle Imprese risultante dal certificato di iscrizione alla CCIAA;

d) per i Liberi Professionisti: con la data di inizio attività indicata dal Modello AA9/10 “Dichiarazione di inizio attività, variazione dati o cessazione attività ai fini IVA (imprese individuali e lavoratori autonomi).

Dotazione finanziaria: € 51.610.000,00

Tipologia di agevolazione: finanziamenti agevolati a copertura delle esigenze di liquidità connesse all’emergenza Covid19

Caratteristiche dell’agevolazione:

·         importo: 10.000,00 Euro;

·         durata minima: 12 mesi;

·         durata massima: 60 mesi;

·         preammortamento: solo per finanziamenti di durata superiore a 24 mesi

·         durata preammortamento; massimo 12 mesi

·         tasso di interesse: zero;

·         rimborso: a rata mensile costante posticipata.

Essendo i finanziamenti destinati a copertura di esigenze di liquidità, non è richiesta alcuna documentazione relativa alle spese sostenute con le somme erogate.

Ogni PMI può ottenere un solo finanziamento.
Regime di aiuto: de minimis