Lazio: contributi a fondo perduto per le Apea

Tempistica
Iter per la presentazione delle domande:

1.       Registrazione a GeCoWEB e compilazione del formulario: a partire dal 08/09/2020 fino alle ore 12:00 del 31/12/2020;

2.       Invio delle domande: dalle ore 12.00 del 21/09/2020 alle ore 18.00 del 31/12/2020.

Procedura di selezione: valutativa a graduatoria. Pertanto l’ordine cronologico di arrivo delle PEC è ininfluente.
Territorio di riferimento
Regione Lazio
Oggetto
Promuovere e valorizzare le Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate (APEA), sostenendo investimenti finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti e alla riduzione degli altri impatti ambientali dei processi produttivi delle Imprese Aderenti all’APEA.
Soggetti proponenti
Possono presentare domanda le PMI Aderenti all’APEA, vale a dire quelle che abbiano sottoscritto il Documento APEA e il Regolamento di Adesione e

Gestione di una APEA formalmente riconosciuta tale dalla Regione Lazio, prima della Data di Concessione dei contributi previsti dall’Avviso.

Possono tuttavia presentare richiesta anche soggetti che hanno aderito ad un progetto di APEA per la quale sia stato richiesto tale formale riconoscimento, mediante l’apposito Portale Green Lazio, entro il termine ultimo per la presentazione delle Domande. Nel caso di Imprese ancora da costituire, incluse le Aggregazioni Stabili, la loro successiva adesione deve essere attestata dal Presidente o dal Presidente designato dell’APEA.

 

I Progetti possono essere realizzati:

A. da una Impresa in forma singola già iscritta al Registro delle Imprese al momento della presentazione della domanda o, nel caso dei Liberi Professionisti, già titolare di partita IVA attiva nel medesimo momento.

Nel caso di Progetti da realizzarsi da parte di una Aggregazione Stabile, tuttavia, questa può essere costituita successivamente alla concessione dell’Aiuto.

Anche nel caso di Progetti che comprendono la Tipologia di Intervento L, questi possono essere realizzati anche da Imprese da costituire successivamente alla concessione dell’Aiuto. I Progetti che comprendono la Tipologia di Intervento L, inoltre, possono essere realizzati esclusivamente da Piccole Imprese:

·da costituire o costituite da non oltre 5 anni al momento della presentazione della Domanda, e che non abbiano rilevato attività di un’altra Impresa o essere frutto di una fusione a cui partecipa anche una sola Impresa costituita da più di 5 anni;

·che non siano o non saranno controllate da una singola Impresa o congiuntamente da più Imprese che rientrano in una Impresa Unica;

·che non abbiano mai distribuito utili.

B. da più Imprese in modo unitario, tramite una Aggregazione Temporanea anche da costituire successivamente alla concessione dell’Aiuto.

Tutte le Imprese partecipanti all’Aggregazione Temporanea e beneficiarie degli Aiuti devono possedere i requisiti previsti per l’accesso all’Aiuto in forma singola.

 

Possono presentare  domanda anche le Imprese, inclusi i Liberi Professionisti e le Aggregazioni Stabili (che svolgono e devono svolgere attività di mercato

assumendosi in proprio i rischi di impresa) che non hanno Sede Operativa nel Lazio al momento della presentazione, purché tale Sede Operativa sia prevista dal Progetto ed effettivamente attivata entro la data della prima erogazione.

In ogni caso il Progetto deve essere realizzato nella Sede Operativa localizzata nella regione Lazio e a beneficio dell’attività imprenditoriale ivi svolta, e gli Investimenti Materiali agevolati devono essere ivi localizzati.

I soggetti beneficiari, al momento della presentazione della Domanda, devono avere la capacità amministrativa, finanziaria e operativa necessaria a completare il Progetto, ovvero avere il Fatturato pari ad almeno 10 volte il valore del Progetto non coperto dal contributo.

In alternativa, la capacità amministrativa finanziaria e operativa sarà verificata con riferimento al Patrimonio Netto, che deve essere pari ad almeno il doppio del valore del Progetto non coperto dal contributo;  in tal caso si considerano anche gli aumenti di capitale versati entro il 9/07/2020 se risultano tali consultando il Registro delle Imprese Italiano.

Nel caso di Imprese ancora da costituire al momento della presentazione della Domanda, la capacità amministrativa, finanziaria e operativa necessaria a completare il Progetto viene valutata sulla base della attendibilità del business plan, inclusi gli impegni dei suoi futuri soci o clienti e la loro affidabilità, impegni al cui adempimento sarà condizionata la concessione e/o l’erogazione dell’Aiuto.

Dotazione finanziaria: € 11.000.000,00

Tipologia di agevolazione: contributo a fondo perduto

Intensità dell’agevolazione:

–          Regime de minimis:  50% delle spese ammissibili

Alle nuove iniziative imprenditoriali dedicate a perseguire le finalità dell’APEA è concedibile anche un sostegno ai fabbisogni finanziaria per l’avviamento, che non prevede spese ammissibili individuabili.

Tale aiuto si configura nella forma di contributo a fondo perduto che non può comunque superare € 400.000,00 (€ 600.000,00 se in zona assistita) e il minor importo tra:

–          Il 100% degli importi cash dei soci o consorziati, effettivamente versati a titolo di capitale sociale, incluso eventuale sovrapprezzo, o finanziamenti soci in conto capitale;
Il 25% delle spese ammesse per gli investimenti previsti dal Progetto