PO FEAMP LAZIO 2014-2020: PORTI, LUOGHI DI SBARCO, SALE PER LA VENDITA ALL’ASTA E RIPARI DI PESCA

Tempistica: Le domande possono essere presentate entro il 13/04/2020

Territorio di riferimento: Regione Lazio (escluse le acque interne)
Oggetto: Sostenere investimenti volti a migliorare le infrastrutture preesistenti dei porti di pesca, delle sale per la vendita all’asta, dei siti di sbarco e dei ripari di pesca, inclusi gli investimenti destinati a strutture per la raccolta di scarti e rifiuti marini con l’obiettivo di migliorare la qualità, il controllo e la tracciabilità dei prodotti sbarcati, accrescere l’efficienza energetica, contribuire alla protezione dell’ambiente e migliorare la sicurezza e le condizioni di lavoro.
Soggetti proponenti, Possono presentare domanda:

·        le imprese operanti nel settore della pesca e dell’acquacoltura;

·        le imprese di servizi per il settore pesca e acquacoltura;

·        gli enti pubblici e le autorità portuali.

Le imprese richiedenti devono essere regolarmente iscritte alla Camera di Commercio.

Progetti finanziabili, Sono ammissibili gli interventi volti a:

·        migliorare le infrastrutture dei porti di pesca, delle sale per la vendita all’asta, dei siti di sbarco e dei ripari di pesca

·        investimenti destinati a strutture per la raccolta di scarti e rifiuti marini

·        investimenti nei porti, nelle sale per la vendita all’asta, nei luoghi di sbarco e nei ripari di pesca

·        investimenti finalizzati alla costruzione o all’ammodernamento di piccoli ripari di pesca.

Progetti non finanziabili
Non sono ammissibili i seguenti investimenti:

·        la costruzione di nuovi porti

·        la costruzione di nuovi siti di sbarco

·        la costruzione di nuove sale per la vendita all’asta.

PO FEAMP LAZIO 2014 – 2020: TRASFORMAZIONE DEI PRODOTTI DELLA PESCA E DELL’ACQUACOLTURA

Tempistica: Le domande possono essere presentate entro il 13/04/2020

Territorio di riferimento: Regione Lazio
Oggetto: Promuove la competitività delle aziende che operano nel settore della trasformazione e commercializzazione attraverso la realizzazione di investimenti finalizzati al risparmio energetico e alla riduzione dell’impatto sull’ambiente, al miglioramento della sicurezza, dell’igiene e delle condizioni di lavoro
Soggetti proponenti: Possono presentare domanda le PMI.

Le imprese richiedenti devono essere regolarmente iscritte alla Camera di Commercio e dal certificato di iscrizione dovrà essere possibile desumere quale attività primaria o secondaria delle imprese richiedenti: lavorazione e conservazione di pesce, crostacei e molluschi mediante surgelamento, salatura eccetera; pesca e acquacoltura.

Progetti finanziabili, Sono ritenuti ammissibili a gli interventi:

·        che contribuiscono a risparmiare energia o a ridurre l’impatto sull’ambiente, incluso il trattamento dei rifiuti;

·        che migliorano la sicurezza, l’igiene, la salute e le condizioni di lavoro;

·        che sostengono la trasformazione delle catture di pesce commerciale che non possono essere destinate al consumo umano;

·        che si riferiscono alla trasformazione dei sottoprodotti risultanti dalle attività di trasformazione principali;

·        che si riferiscono alla trasformazione di prodotti dell’acquacoltura biologica;

·        che portano a prodotti nuovi o migliorati, a processi nuovi o migliorati o a sistemi di gestione e di organizzazione nuovi o migliorati.