Fondimpresa, avviso n. 1/2021: formazione a sostegno dell’innovazione digitale e tecnologica

Oggetto: Formazione dei lavoratori delle aziende aderenti a Fondimpresa che stanno realizzando un progetto o un intervento di innovazione digitale e/o tecnologica di prodotto o di processo.

Procedura di selezione: Valutativa

Territorio di riferimento: Territorio Nazionale

Tempistica: Le domande possono essere presentate a partire dalle ore 9:00 del 30/03/2021 fino alle ore 13:00 del 31/12/2021.

Soggetti proponenti  
Possono presentare domanda:

·         imprese già aderenti a Fondimpresa alla data di presentazione della domanda di finanziamento;

·         enti già iscritti, alla data di presentazione della domanda di finanziamento, nell’Elenco dei Soggetti Proponenti qualificati da Fondimpresa, per la categoria III del “Regolamento istitutivo del sistema di qualificazione dei Soggetti Proponenti” – Formazione sulla tematica dell’innovazione tecnologica di prodotto e di processo rivolta a lavoratori appartenenti ad imprese di tutti i settori, nel limite della classe di importo e dell’ambito territoriale di iscrizione, che deve comprendere tutte le regioni a cui appartengono le aziende beneficiarie del Piano.

Possono partecipare esclusivamente le aziende che non sono state beneficiarie di Piani finanziati sull’Avviso 1/2019, salvo il caso in cui il finanziamento sia stato revocato o l’azienda vi abbia rinunciato. La medesima matricola INPS l’impresa aderente può essere beneficiaria della formazione unicamente in un Piano formativo.

Progetti finanziabili
Il progetto formativo deve riguardare esclusivamente progetti o interventi di innovazione digitale e/o tecnologica nelle imprese aderenti che riguardano l’introduzione di nuovi prodotti e/o processi o un notevole miglioramento di quelli già esistenti, e che richiedono, in una o più fasi della realizzazione e/o del trasferimento, la formazione del personale interessato.

Sono compresi tutti i processi di definizione e implementazione di innovazioni tecnologiche di prodotto e di processo nell’impresa (inclusi cambiamenti significativi nelle tecniche, nelle attrezzature o nel software).

Sono esclusi i cambiamenti o i miglioramenti minori, l’aumento delle capacità di produzione o di servizio ottenuto con l’aggiunta di sistemi di fabbricazione o di sistemi logistici che sono molto simili a quelli già in uso, la cessazione dell’utilizzazione di un processo, la mera sostituzione o estensione dei beni strumentali, i cambiamenti derivanti da variazioni del prezzo dei fattori, la produzione personalizzata, l’adattamento ai mercati locali, le periodiche modifiche stagionali e altri cambiamenti ciclici nonché il commercio di prodotti nuovi o sensibilmente migliorati.

Ciascun Piano formativo può interessare una sola delle seguenti Macro Aree:

·         MACRO AREA A, destinata a Piani formativi aziendali o interaziendali di Aziende aderenti beneficiarie del Nord Italia;

·         MACRO AREA B, destinata a Piani formativi aziendali o interaziendali di Aziende aderenti beneficiarie del Centro Italia;

·         MACRO AREA C, destinata a Piani formativi aziendali o interaziendali di Aziende aderenti beneficiarie del Sud Italia;
Il Piano formativo presentato sulle Macro Aree A, B o C che coinvolge un’unica impresa aderente può riguardare esclusivamente un’azienda che rientra nella definizione comunitaria di PMI.

·         MACRO AREA D, destinata a Piani formativi su base multiregionale, idonei a soddisfare fabbisogni formativi comuni ad aziende appartenenti alla stessa categoria merceologica o a reti e filiere organizzate secondo la logica della prevalenza del prodotto/servizio finale, sviluppando modelli e interventi integrati di formazione del personale, anche con azioni di tipo sperimentale o prototipale.

Il Piano deve coinvolgere imprese appartenenti ad almeno due regioni o province autonome e la quota minima di aziende appartenenti alla regione o provincia autonoma meno coinvolta deve essere almeno pari al 30% del totale delle imprese partecipanti al Piano. In caso di Piano che coinvolge imprese appartenenti a più di due regioni la quota minima di aziende appartenenti alle regioni o provincie autonome meno coinvolte deve essere almeno pari al 30% del totale delle imprese partecipanti al Piano.

Il Piano di livello interaziendale o a valere sulla Macro Area D è ammissibile esclusivamente se tutte le imprese coinvolte sono direttamente interessate dalla medesima innovazione digitale e/o tecnologica di prodotto o di processo.

Partecipanti

Il Piano deve sempre prevedere la partecipazione:

·         per le Macro Aree A, B, C, di almeno 15 dipendenti;

·         per la Macro Area D, di almeno 5 imprese aderenti (rilevate per codice fiscale) con un minimo di 30 lavoratori in formazione.

Il piano deve prevedere, a pena di esclusione, la partecipazione di uno dei soggetti di seguito elencati:

·         Dipartimenti di Università pubbliche e private riconosciute dal MIUR;

·         Enti pubblici di ricerca vigilati dal MIUR;

·         altri Organismi di ricerca in possesso dei seguenti requisiti: 1) la finalità principale consiste nello svolgere attività di ricerca di base, di ricerca industriale o di sviluppo sperimentale e nel diffonderne i risultati, mediante l’insegnamento, la pubblicazione o il trasferimento di tecnologie; 2) le imprese in grado di esercitare un’influenza su tale organismo – quali ad esempio azionisti e/o membri – non godono di alcun accesso preferenziale alle capacità di ricerca dell’ente medesimo, né ai risultati che esso produce; 3) i ricavi e i finanziamenti ricevuti nel triennio 2018-2019-2020 per lo svolgimento delle attività di ricerca industriale, sono almeno pari a € 3.000.000,00.

Modalità formative

Sono ammissibili differenti metodologie didattiche, include quelle flessibili e personalizzate tipiche della formazione/intervento:

·         action learning

·         coaching

·         affiancamento

·         training on the job

Non possono essere finanziate le ore di formazione durante le quali il partecipante svolge attività produttive.

Le azioni formative in aula, seminari, action learning e coaching possono essere erogate in tutto o in parte attraverso lo strumento ADA (Apprendimento a Distanza Attivo): l’attività a distanza deve essere supportata da un sistema che effettua il tracciamento delle attività svolte e consente la stampa dei relativi rapporti.

Non sono ammissibili le attività formative organizzate per conformare le imprese alla normativa nazionale obbligatoria in materia di formazione.

Durata dei progetti

La durata massima del Piano formativo è di 13 mesi dalla data di ricevimento della comunicazione di ammissione a finanziamento del Piano stesso da parte di Fondimpresa, con l’obbligo di portare a termine tutte le attività di erogazione della formazione entro 12 mesi dalla data di ricevimento della comunicazione di ammissione a finanziamento del Piano.

Dotazione finanziaria

 

Agevolazioni
Il Piano formativo presentato a Fondimpresa deve prevedere:

·         in relazione alle Macro Aree A, B, C, un finanziamento minimo di € 50.000,00 e un finanziamento massimo di € 150.000,00;

·         in relazione alla Macro Area D, un finanziamento minimo di euro 100.000,00 e un finanziamento massimo di € 250.000,00.

Al finanziamento di ciascun Piano concorrono:

·         le risorse del “Conto Formazione” delle aziende aderenti beneficiarie in relazione alle ore di partecipazione dei loro dipendenti alle azioni formative svolte;

·         le risorse del Conto di Sistema per impresa aderente, al netto dell’apporto del suo Conto Formazione, non possono essere superiori a € 50.0000,00.

Regime di aiuto: Aiuti di Stato