Maturazione Tecnologica Industry 4.0: al via una selezione di proposte

Tempistica: Le domande possono essere presentate fino alle ore 14:00 del 18/12/2019

Procedura di selezione: valutativa
Territorio di riferimento: Territorio Nazionale
Oggetto: Selezionare le proposte progettuali relative alla Maturazione Tecnologica Industry 4.0 (ricerca industriale ad alto Technology Readiness Level, “TRL”) che saranno realizzate con il cofinanziamento del Competence Center “Competence Industry Manufacturing 4.0”.
Soggetti proponenti Possono presentare domanda le PMI, comprese le startup innovative, anche in Raggruppamento tra loro, che, al momento della presentazione della domanda, siano in possesso dei seguenti requisiti:

·        Essere iscritte al registro delle imprese della Camera di Commercio da almeno 2 anni e possedere almeno 2 bilanci chiusi ed approvati, ad eccezione delle startup innovative per le quali verrà verificata l’iscrizione all’apposito registro della Camera di Commercio.

·        Svolgere un’attività economica rientrante nei Codici ATECO riportati nell’Allegato 1 in calce la presente Scheda Bando.

·        Essere in possesso dei requisiti economico-finanziari e patrimoniali previsti riportati nell’Allegato 2 in calce la presente Scheda Bando (requisito applicato unicamente alle PMI e non alle startup innovative).

·        Avere sede o l’unità locale interessata dall’intervento sul territorio italiano e provvista di carattere attivo e produttivo.

Il soggetto proponente non deve essere società fiduciaria, o impresa tra i cui soci risultino società fiduciarie, fatta eccezione per il caso in cui la fiduciaria dia evidenza di tutti gli intestatari (fiduciari e fiducianti) della stessa, fornendo adeguata e comprovante documentazione a riguardo.

I soggetti richiedenti potranno partecipare al Bando coinvolgendo, in qualità di subcontraenti, il CIM4.0 e/o Organismi di Ricerca.

Ogni soggetto richiedente potrà candidare una sola proposta progettuale.

Progetti finanziabili: Sono finanziabili i progetti di innovazione, ricerca industriale e sviluppo sperimentale, proposti da imprese, nei   settori della manifattura avanzata intelligente, dell’automotive e dell’aerospace per i seguenti ambiti e/o specializzazioni:

•        Additive manufacturing e laser-based manufacturing;

•        Smart grid, smart meters ed efficientamento energetico (es. sviluppo di soluzioni per: efficientamento energetico di macchinari e linee di manifattura intelligente; monitoraggio e distribuzione dei carichi energetici tramite sensoristica ad-hoc e piattaforme SW dedicate; gestione intelligente della rete di distribuzione e dei contatori);

•        Industrial IoT, piattaforme HW-SW, sensoristica, cloud, connectivity (es. HW, SW e sensori per il controllo delle linee; sistemi intelligenti per la connettività, ecc.);

•        Intelligenza artificiale, data analytics e cybersecurity (algoritmi e piattaforme per l’analisi dei dati di produzione; tecnologie per la sicurezza e l’integrità dei dati; tecnologie per la sicurezza della comunicazione).

I progetti finanziabili devono mirare all’ottimizzazione dei processi produttivi (maggiore qualità del prodotto finale e riduzione dei costi di esercizio degli impianti di produzione), al miglioramento e all’innovazione di prodotto, con maggior velocità dal prototipo alla produzione e al mercato, all’innovazione dei modelli di business e organizzativi a favore della competitività aziendale a livello globale.

Sono considerati ammissibili i soli progetti di ricerca industriale e/o di sviluppo sperimentale ed innovazione di processo, con un livello di TRL pari almeno a 6 e che raggiunga, al termine delle attività, un livello pari almeno a 8 (i progetti non devono giungere alla fase di produzione e devono essere caratterizzati da un elevato livello di innovatività).

I progetti dovranno prevedere:

a)      un piano di intervento concreto, dettagliato in investimenti, costi, tempi comprensivo della stima dei benefici economici per l’impresa in termini di riduzione di inefficienze, sprechi e costi, anche in termini di miglioramento della qualità dei processi e dei prodotti;

b)     la redazione di un piano finanziario a copertura dei costi del progetto.

Durata progettuale: non superiore ai 12 mesi dalla data di concessione delle agevolazioni (prorogabile fino ad un massimo di 3 mesi, previa richiesta e motivazione al CIM4.0).

Tipologia di agevolazione: contributo a fondo perduto

Intensità dell’agevolazione: 50% delle spese ammissibili

Importo massimo concedibile: € 20.000,00 per singola impresa con un massimo di € 40.000,00 per singolo progetto