COSME E HORIZON 2020, CHIAMATE A DICEMBRE

(Fonte: IL SOLE 24 ORE)

Il mese di dicembre è caratterizzato da alcune scadenze di Horizon 2020, il programma europeo per la ricerca e l’innovazione, di Cosme, il programma a sostegno della competitività delle PMI, e di Uia, Azioni urbane innovative.

Horizon 2020

L’11 dicembre scadono i termini di Horizon 2020 per presentare proposte innovative sui seguenti argomenti («topics»): tecnologie innovative per impianti eolici galleggianti, produzione avanzata di biocarburanti da biomasse acquatiche; supporto alla diffusione sul mercato; sviluppo dell’affidabilità e delle prestazioni degli impianti fotovoltaici; riduzione dei costi e sviluppo delle prestazioni e dell’affidabilità degli impianti a concentrazione solare (“CSP”); nuova generazione di tecnologie fotovoltaiche a film sottile (“thin film”).

Urban innovative actions (Uia)

Il 12 dicembre scade invece il quinto bando di Uia – Urban innovative actions a favore di progetti che si propongono di affrontare alcuni temi di grande rilevanza per le aree urbane dell’Unione europea attraverso soluzioni innovative, creative e durevoli: qualità dell’aria, economia circolare, cultura e patrimonio culturale, cambiamento demografico. Ciascun progetto dovrà essere riferito ad una sola tematica, durare fino a 36 mesi e prevedere partnership tra le autorità urbane e altri soggetti quali agenzie, università, Ong, imprese o altre autorità pubbliche. I progetti potranno essere cofinanziati fino all’80% dei loro costi ammissibili, fino ad un contributo massimo di 5 milioni di euro.

Cosme

Il 17 dicembre scade il bando di Cosme, destinato a quattro consorzi che dovranno predisporre regimi di sostegno per la creazione di capacità di crescita sostenibile per le piccole imprese nel settore della moda: possono partecipare al bando, tra gli altri, gli enti in possesso di personalità giuridica, quali ad esempio organizzazioni senza scopo di lucro (private o pubbliche), autorità pubbliche, università, Ong, organizzazioni di sostegno alle imprese, centri di ricerca riuniti in consorzi composti da almeno 4 membri, di almeno tre diversi Stati partecipanti a Cosme. I progetti dovranno essere presentati da partnership di soggetti appartenenti ad almeno 2 Stati Ue e dovranno essere finalizzati allo sviluppo di prove di fattibilità e di prototipi di nuovi prodotti e servizi, allo sviluppo di nuovi modelli di business e di collaborazioni per testare materiali più sostenibili o riciclati, alla partecipazione a fiere o ad altri eventi di presentazione.