Firmato l’addendum all’Accordo per il credito 2019 dall’Associazione bancaria italiana (ABI) con Alleanza delle cooperative italiane (Agci, Confcooperative, Legacoop), Cia-Agricoltori italiani, Claai, Coldiretti, Confagricoltura, Confapi, Confedilizia, Confetra, Confimi industria, Confindustria e Rete imprese Italia (Confersercenti, Casartigiani, Cna confartigianato, Confcommercio).

Fonte:IlSole24Ore

L’Accordo operativo tra ABI e le Organizzazioni di rappresentanza delle imprese ha come  obiettivo quello di sostenere finanziariamente le imprese danneggiate dalla temporanea interruzione/riduzione delle attività, e di evitare la perdita di capacità produttiva e relazioni commerciali. A tal proposito, dunque, viene concessa la possibilità di chiedere la sospensione o lallungamento dei prestiti in essere al 31/01/2020 da parte delle PMI danneggiate dallemergenza epidemiologica Covid-19.

La sospensione del pagamento della quota capitale delle rate dei finanziamenti potrà essere chiesta fino a un anno e sarà applicabile ai finanziamenti a medio lungo termine, anche perfezionate tramite il rilascio di cambiali agrarie e alle operazioni di leasing. In quest’ultimo caso la sospensione riguarderà la quota capitale implicita dei canoni leasing. Per le operazioni di allungamento, è invece previsto che l’estensione della durata del finanziamento può arrivare fino al 100% della durata residua dell’ammortamento.

È inoltre previsto la massima tempestività nella risposta da parte delle Banche e l’accelerazione delle procedure di istruttoria.