SICILIA: I PROVVEDIMENTI APPROVATI PER FRONTEGGIARE LEMERGENZA

Anche la Sicilia si adopera per fronteggiare l’emergenza Coronavirus.  I provvedimenti approvati riguardano la realizzazione dei cosiddetti Covid-Hospital, il reclutamento di personale sanitario, fino al coinvolgimento di professionisti attualmente impegnati nell’ospedalità privata, l’acquisto di nuove attrezzature sanitarie, la moratoria per i mutui a favore delle imprese, le disposizioni per i dipendenti degli uffici regionali, il rinvio delle elezioni ne Comuni, l’annullamento della partecipazione alle fiere in Italia e all’estero.

Ricapitoliamo i punti salienti della manovra regionale:

  • Covid-Hospital
    L’intero sistema sanitario siciliano si attiva con aree sanitarie, dislocate su tutto il territorio regionale, che si occuperanno in via esclusiva del trattamento dei pazienti affetti dal Covid 19.
  • Posti letto e nuovo personale sanitario
    Per i presidi ospedalieri è prevista l’attivazione di un determinato numero di posti letto di Terapia intensiva e sub-intensiva e di Malattie infettive, che andranno a sommarsi a quelli già disponibili presso le Aziende del Servizio sanitario, proprio per creare un’autentica rete regionale dell’emergenza sanitaria da Covid 19. Complessivamente è stata stimata una capacità di attivazione di mille posti letto.  È prevista anche un’azione di reclutamento di altro personale medico e infermieristico.
  • Mutui e finanziamenti

Grazie all’intesa raggiunta tra la Regione e l’Associazione bancaria italiana, scatta la moratoria sui mutui contratti con il sistema bancario prima del 31 gennaio. La misura prevede l’estensione della possibilità anche agli enti regionali Irfis, FINsicilia, Ircac e Crias.

L’accordo, che consente di sospendere le rate mensili e di evitare il pagamento della quota capitale per un anno, è previsto per tutti i rapporti di mutuo di medio e lungo termine (compresi i leasing immobiliari). Viene prevista anche la possibilità di allungare il debito fino al 100% della durata residua dell’ammortamento, con conseguente dimezzamento dell’importo della rata e liberazione di liquidità.

La Regione rende noto che sono state avviate anche le procedure per il raddoppio delle risorse, già assegnate e impegnate al 75%, da destinare alla sezione del Fondo centrale di garanzia in favore delle imprese siciliane, per consentire un più agevole accesso (80% di garanzia pubblica) delle PMI in crisi di liquidità al credito bancario.

  • Stop a fiere fino ad agosto
    Stop alla partecipazione delle aziende siciliane alle attività fieristiche, in Italia e all’estero, fino ad agosto 2020.  Saltano, dunque, gli appuntamenti di Singapore (Fh Asia, settore agroalimentare), Tokyo (Foode, agroalimentare), Mosca (Mosbuild, edilizia), Montreal (Sial Canada, agroalimentare), Francoforte (Imex, agroalimentare), Parma (Cibus), Johannesburg (Africa Health, biomedicale), San Diego (Bio international convention, biomedicale), Norimberga (Stonetech) e New York con il celebre Summer Fancy Food. Ad oggi, 13/03/2020, restano invariate le manifestazioni previste per il secondo semestre.
  • Uffici regionali ed elezioni comunali
    Le attività strettamente funzionali alla gestione dell’emergenza e le attività indifferibili verranno garantite presso gli uffici regionali. Ove possibile, si ricorrerà allo smart working. Negli altri casi, l’amministrazione procederà alla rotazione del personale e all’adozione di strumenti alternativi come la fruizione degli istituti di congedo, della banca-ore, nonché delle ferie pregresse nel rispetto del contratto di lavoro.
    Infine, la Regione comunica che le elezioni amministrative in 61 Comuni dell’Isola, fissate per il 24 maggio, verranno posticipate al 14/06/2020, con l’eventuale ballottaggio due settimane dopo.