#RIPARTITRENTINO, contributi da utilizzare in compensazione fiscale

Oggetto
Contributi da utilizzare in compensazione fiscale per spese sostenute nell’ambito delle seguenti aree:

a)       investimenti fissi

b)      internazionalizzazione

c)       consulenze

d)      collaborazione tra scuola e imprese

e)      investimenti e consulenze COVID-19.

Procedura di selezione:  Automatica

Territorio di riferimento: Regione Trentino Alto Adige – Provincia Autonoma di Trento

Tempistica
Per investimenti fissi, internazionalizzazione, consulenze, collaborazione tra scuola e imprese: dal 02/01 al 31/12 di ogni anno

Per investimenti e consulenze per COVID-19: le domande possono essere presentate fino alle ore 15,00 del giorno 31/05/2021.

Soggetti proponenti  
Possono presentare domanda:

v  imprese, enti e associazioni, consorzi, associazioni di categoria che svolgono attività rientranti nei codici individuati dalla  tabella A (in allegato), comprese le agenzie interinali. Per la tipologia di aiuto Investimenti fissi, limitatamente per l’acquisto di veicoli elettrici e ibridi plug-in, di sistemi di ricarica e per la modifica dell’alimentazione di veicoli, rientrano soggetti che svolgono attività anche non rientranti nei codici individuati dalla tabella A;

v  reti imprese;

v  esercizi ricettivi, a condizione che le unità locali nelle quali sono realizzati gli investimenti somministrino la prima colazione e non abbiano più del 70% dei posti letto in unità abitative con servizio autonomo di cucina;

v  lavoratori a autonomi e liberi professionisti (per gli investimenti e consulenze COVID-19) che svolgono attività anche non rientranti nei codici individuati dalla tabella A

 

Requisiti:

·         Avere un’unità operativa nel territorio provinciale

 

Ciascun soggetto richiedente può presentare una sola domanda di agevolazione dal 2 gennaio al 31 dicembre di ogni anno, relativa a una o più tipologie di aiuto rientranti tra le Sezioni A – B – C – D – E.

Progetti finanziabili
I progetti finanziabili prevedono i seguenti interventi:

A)      investimenti fissi:

investimenti immobiliari e mobiliari volti a migliorare la qualità delle strutture aziendale, quali:
opere di costruzione, ristrutturazione, incluse sistemazioni esterne, o ampliamento delle strutture immobiliari
investimenti mobiliari da collocare in locali oggetto delle opere di cui al precedente punto
investimenti per l’acquisto di autoveicoli aziendali sostitutivi di altri autoveicoli rottamati o incrementativi del parco veicoli
investimenti per il miglioramento delle condizioni di lavoro
investimenti destinati all’installazione di sistemi di videosorveglianza antirapina, presso le unità locali delle imprese
investimenti mobiliari ed eventuali opere immobiliari accessorie
investimenti per l’accesso ai servizi di connettività in banda ultra larga
investimenti per l’acquisto di veicoli elettrici e ibridi plug-in, di sistemi di ricarica e per la modifica dell’alimentazione di veicoli
investimenti per l’installazione di sistemi di sicurezza della connessione di rete
B)      internazionalizzazione:

manifestazioni fieristiche internazionali
missioni aziendali all’estero e azioni di incoming
servizi specialistici
progetti di marketing internazionale
strumenti innovativi per la partecipazione alle fiere internazionali anche a distanza in ragione dell’emergenza COVID
realizzazione di una struttura espositiva, di promozione e rappresentanza nel mercato estero extra Ue
C)      Consulenze:

innovazione
nuove tecniche di organizzazione dell’attività d’impresa per il miglioramento della produttività
certificazioni aziendali
progetti pilota in campo ambientale
indagini di mercato, piani di marketing e commercio telematico
utilizzo di tecnologie dell’informazione e delle telecomunicazioni
realizzazione di progetti di aggregazione (contratti di rete)
attività di messa efficienza energetica e diagnosi energetica
progetti di natura strategica
D)     collaborazioni tra scuola e imprese:

percorsi di formazione realizzati con contratto di apprendistato formativo
E)      investimenti e consulenze Covid-19:

investimenti per l’acquisto di attrezzature e interventi volti a contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID -19
investimenti per l’acquisto di strumenti e applicativi per smart working
consulenze volte ad ampliare la diffusione dello smart working e che contemporaneamente introducano innovazioni nei modelli organizzativi sul piano lavorativo per rendere lo stesso strumento efficace e sostenibile
consulenze per l’implementazione di modelli organizzativi e produttivi volti a contrastare il diffondersi del virus COVID-19 e ad adeguarsi alle nuove esigenze di distanziamento sociale.

Tipologia di agevolazione: credito d’imposta

Intensità dell’agevolazione:

v  Investimenti fissi: 15% delle spese ammissibili

Per gli investimenti per la modifica dell’alimentazione di veicoli sulle tue spese ritenute ammissibili è concesso un contributo massimo pari a 5 mila euro per ogni mezzo e comunque non superiore al 50% della spesa ammissibile.

v  Internazionalizzazione:

·         Manifestazioni fieristiche internazionali: 50%

·         Missioni aziendali all’estero e azioni di incoming: Paesi extra UE: 30%

·         Servizi specialistici: a) Paesi extra UE: 50%; b) Paesi UE: 50%

·         Progetti di marketing internazionale: Paesi extra UE: 50%

·         Strumenti innovativi per la partecipazione alle fiere internazionali anche a distanza in ragione dell’emergenza COVID: 80%

·         Realizzazione di una struttura espositiva, di promozione e rappresentanza nel mercato estero extra Ue: 50% maggiorato al 60% se la struttura coinvolge più soggetti

 

v  Consulenze: 35% delle spese ammissibili

v  Collaborazione tra scuola e imprese: il limite massimo annuale, per ciascun apprendista, è pari a 2 mila euro, tenendo conto della durata dei periodi del contratto di apprendistato formativo realizzati e documentati, proporzionati sull’intero anno solare, riconoscendo un importo mensile di 166,67 euro

v  Investimenti e consulenze COVID-19

Investimenti: 30% delle spese ammissibili

Consulenze: 45% delle spese ammissibili

Il credito d’imposta è utilizzabile in compensazione (F24) dal primo giorno del mese successivo alla comunicazione di concessione, ai servizi telematici offerti dall’Agenzia delle Entrate, pena lo scarto dell’operazione di versamento.

Regime di aiuto: De minimis