Umbria: sostegno per il miglioramento delle prestazioni dell’ azienda agricola

Tempistica
Le domande possono essere presentate entro il 18/12/2020
Territorio di riferimento
Regione Umbria
Oggetto
Potenziare la redditività delle aziende agricole e la competitività dell’agricoltura in tutte le sue forme.
Soggetti proponenti
Possono presentare domanda agricoltori, persone fisiche e giuridiche, singoli o associati, in possesso dei seguenti requisiti:

– siano titolari di PMI agricole in possesso di partita IVA con codice d’attività prevalente agricolo dal 01.11.10 al 01.70.00 ed iscritte alla CCIAA con sede legale in Umbria o con unità locali ubicate in Umbria che risultino, al momento della presentazione della domanda di sostegno, nel certificato di iscrizione alla CCIAA; anche le unità locali oggetto di investimento dovranno avere codice ATECO2007 dal 01.11.10 al 01.70.00;

– che, risultano censite nel Sistema informativo agricolo nazionale (SIAN) e, qualora esercitanti l’attività zootecnica, nella Banca Dati Nazionale dell’Anagrafe Zootecnica (BDN).
Progetti finanziabili
Vengono finanziati investimenti finalizzati al miglioramento delle prestazioni e della sostenibilità globale dell’azienda agricola.

Tipologia di agevolazione: contributo a fondo perduto

Intensità dell’agevolazione:

·         40% per gli investimenti immobiliari e fissi per destinazione e relative spese tecniche;

·         20% per investimenti mobiliari e relative spese tecniche e per investimenti immateriali.

Le aliquote di cui sopra sono maggiorate fino ad un ulteriore 20% come segue:

·         10% per i giovani agricoltori che si insediano per la prima volta;

·         10% per investimenti ricadenti nelle zone soggette a vincoli naturali.

Per gli investimenti che riguardano la trasformazione e/o la vendita diretta all’interno di strutture aziendali dei prodotti agricoli aziendali anche non trasformati, l’aliquota di sostegno non può superare il 40% della spesa ritenuta ammissibile. La stessa aliquota di sostegno viene applicata anche a tutti gli investimenti collegati agli investimenti realizzati per la trasformazione e/o vendita diretta (es. piazzole, sistemazioni esterne, magazzino per prodotti trasformati, etc.).

 

Il limite massimo di contribuzione è pari a € 750.000,00 per aziende agricole e per le cooperative agricole che associano almeno 9 aziende agricole.