Superammortamento al 130%, tutti i dettagli

C’è grande fermento nel mondo della Finanza Agevolata, L’articolo 1 del Decreto Crescita,infatti, ha reintrodotto dal 1° aprile 2019 la misura del cd. superammortamento, ovvero l’agevolazione che consente di maggiorare del 30% il costo di acquisizione a fini fiscali degli investimenti in beni materiali strumentali nuovi. La novità è parte del pacchetto di misure fiscali contenute all’intero del testo del Decreto che dedica ampio spazio alla revisione di quanto stabilito dalla Legge di Bilancio.

In parole semplici con il termine super ammortamento si può intendere un maxisconto per chi investe in beni strumentali nuovi ed ha lo scopo di incentivare nuovi acquisti. I beni devono essere di uso durevole ed atti ad essere impiegati come strumenti di produzione all’interno del processo produttivo dell’impresa.
Il beneficio spetta, oltre che per l’acquisto dei beni da terzi, in proprietà o in leasing, anche per la realizzazione degli stessi in economia o mediante contratto di appalto.

Per il 2019 viene introdotto un tetto massimo per gli investimenti agevolati pari a 2,5 milioni di euro.

Le principali informazioni dell’incentivo fiscale

Tempistica: Le domande possono essere presentate entro il 31/12/2019

Oggetto: L’articolo 1 del Decreto Crescita reintroduce dal 1° aprile 2019 la misura del cd. superammortamento, ovvero l’agevolazione che consente di maggiorare del 30% il costo di acquisizione a fini fiscali degli investimenti in beni materiali strumentali nuovi.Tipologia di agevolazione: deduzione extracontabile

Soggetti Proponenti: Possono presentare domanda tutti i soggetti titolari di reddito d’impresa, comprese le imprese individuali assoggettate all’IRI, con sede fiscale in Italia, incluse le stabili organizzazioni di imprese residenti all’estero, indipendentemente dalla forma giuridica, dalla dimensione aziendale e dal settore economico in cui operano

Tipologia di agevolazione: deduzione extracontabile

Intensità dell’agevolazione: 30%

Si tratta pertanto di una maggiorazione del costo fiscalmente riconosciuto pari al 30%, portando in questo modo al 130% il valore della deduzione.

Si accede in maniera automatica in fase di redazione di bilancio e tramite autocertificazione.