Regione Calabria: nuovi fondi alle imprese artigiane

Tempistica: Le domande possono essere presentate fino ad esaurimento delle risorse

Territorio di riferimento: Regione Calabria

Oggetto: Regolamento attuativo per la concessione di incentivi a sostegno e per lo sviluppo dell’artigianato calabrese

Soggetti proponenti: Possono presentare domanda le imprese artigiane aventi sede in Calabria, con
esclusione di quelle appartenenti ai settori riportati nell’Appendice 1 in calce alla Scheda bando, costituite anche in forma di cooperativa o consortile, iscritte agli albi di cui alla Legge 443/85 che abbiano stipulato con gli Istituti di Credito contratti di finanziamento per la realizzazione di investimenti materiali e immateriali.
La domanda di ammissione alle agevolazioni deve essere compilata dal Soggetto presentatore: Istituti di credito/Associazioni di Categoria.

Progetti finanziabili: Il finanziamento bancario deve essere destinato esclusivamente a:
a) ristrutturazione, ampliamento e ammodernamento dei locali posti al servizio dell’attività artigiana dell’impresa o altri interventi di efficientamento energetico, nel limite massimo del 30% dell’investimento complessivo ritenuto ammissibile dal Soggetto gestore;
b) acquisto di macchinari ed attrezzature, nuove ed usate, posti al servizio dell’impresa;
c) acquisto di mezzi targati, nuovi ed usati, purché strettamente funzionali al ciclo produttivo e immatricolati come autoveicoli uso commerciale;
d) acquisto di hardware, software e spese per la realizzazione di siti web;
e) reintegro capitale circolante finalizzato alla formazione di scorte di materie prime e prodotti finiti.
Non sono ammissibili spese per tablet, smartphone ed altri beni che, per loro natura, si prestano ad un uso ordinario al di fuori dell’attività economica (sede legale/operativa) nel cui ambito deve essere realizzato il progetto agevolato; non sono inoltre ammesse le spese relative ai beni acquisiti con il sistema della locazione finanziaria o con la formula del contratto “chiavi in mano”.
Per gli investimenti di cui alle lettere a), b), c) e d) l’importo massimo del finanziamento ammissibile, non potrà essere superiore ad euro 70.000,00; per il reintegro del capitale circolante di cui alla lettera e), l’importo massimo del finanziamento ammissibile non potrà essere superiore ad euro 35.000,00.
Sono esclusi dagli interventi agevolativi i finanziamenti di importo inferiore ad € 10.000,00.
Non saranno ammessi alle agevolazioni i titoli di spesa: regolati per contanti e/o di importo inferiore a 500,00 euro, IVA esclusa.

Retroattività: Si. Alla data di presentazione della domanda di agevolazione a valere sul Fondo gli investimenti devono essere conclusi. La documentazione di spesa dovrà avere una data successiva o uguale a quella dell’erogazione del finanziamento bancario; con riferimento al solo capitale circolante, le spese per il reintegro delle scorte potranno essere anche antecedenti la medesima data nel limite massimo dei sei mesi precedenti. La stessa documentazione
non potrà comunque recare una data superiore a sei mesi la data di erogazione del finanziamento bancario.

Agevolazioni: Le agevolazioni consistono nella concessione di un contributo in conto interessi, da riconoscere in forma attualizzata per tutta la durata del finanziamento e, nel parziale rimborso del costo della garanzia rilasciata dai
Confidi, ed in un contributo in conto capitale nel limite del 20%, limitato alla sole spese sostenute per l’acquisto di macchinari ed attrezzature, hardware, software, e spese per la realizzazione di siti web.
Il finanziamento bancario deliberato ed erogato dalla banca, sulla base del quale il Soggetto gestore calcolerà il contributo in c/interessi e quello in c/capitale, potrà raggiungere il 100% dell’investimento (valore da considerare al netto di IVA) ritenuto ammissibile.
Il contributo in conto interessi, verrà calcolato sul 100% del finanziamento bancario erogato per la realizzazione dell’investimento ammissibile e comunque nel minore importo di quanto effettivamente realizzato e, qualunque sia la durata stabilita dalla banca, nel limite massimo di 7 anni, per le spese di cui alle lettere a), b) e c) e d) e 5 anni per le spese di cui alla lettera e).
Per la quota del finanziamento ammessa al contributo in conto interessi; il contributo stesso è determinato nella misura massima del 4% e, in ogni caso, non superiore al TAN applicato dalla Banca.
Sarà inoltre riconosciuto un contributo per le spese relative all’eventuale costo della garanzia rilasciata dai Confidi nella misura massima di seguito indicata:
− € 1.000,00 per i finanziamenti fino ad € 40.000,00;
− € 1.500,00 per finanziamenti maggiori di € 40.000,00.
REGIME DI AIUTO: de minimis.

Documentazione:

  • Visura camerale aggiornata;
  • autocertificazione relativa all’iscrizione all’Albo delle Imprese Artigiane;
  • autocertificazione “de minimis”;
  • copia del contratto di finanziamento con relativo piano di ammortamento debitamente;
  • sottoscritto dalla banca e dall’impresa;
  • copia di un documento di identità
  • fatture
  • bonifici bancari

La Profima Srl si riserva la facoltà di richiedere, attraverso i suoi progettisti, documentazione ulteriore e aggiornata ai fini della progettazione.

Regione Calabria: incentivi a sostegno dello sviluppo

ALLEGATO 1: SETTORI ESCLUSI DAGLI INTERVENTI AGEVOLATIVI (Classificazione ATECO 2007)

A – AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA
L’esclusione si applica alle seguenti divisioni:

  • 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI

l’esclusione si applica alle seguenti classi:

  • 01.50 COLTIVAZIONI AGRICOLE ASSOCIATE ALL’ALLEVAMENTO DI ANIMALI: ATTIVITÀ MISTA (tutta la classe)
  • 01.61 ATTIVITÀ DI SUPPORTO ALL’AGRICOLTURA E ATTIVITÀ SUCCESSIVE ALLA RACCOLTA

tutta la classe ad eccezione delle seguenti attività:

  • 01.61.00 Attività di supporto alla produzione vegetale
  • 01.62.09 Altre attività di supporto alla produzione animale (esclusi i servizi veterinari)
  • 01.70 CACCIA, CATTURA DI ANIMALI E SERVIZI CONNESSI (tutto il gruppo)
  • 03 PESCA E ACQUACOLTURA (tutta la divisione ad accezione delle “Attività dei servizi connessi alla pesca e alla piscicoltura”)

B – ESTRAZIONE DI MINERALI DA CAVE E MINIERE

L’esclusione si applica alle seguenti divisioni:

  • 05 ESTRAZIONE DI CARBONE (ESCLUSA TORBA) sono escluse le seguenti classi
  • 05.10. ESTRAZIONE DI ANTRACITE (tutta la classe)
  • 05.20. ESTRAZIONE DI LIGNITE (tutta la classe)
  • 07 ESTRAZIONE DI MINERALI METALLIFERI sono escluse le seguenti classi:
  • 07.10. ESTRAZIONE DI MINERALI METALLIFERI FERROSI (tutta la classe ad eccezione delle piriti) 07.29.
  • ESTRAZIONE DI ALTRI MINERALI METALLIFERI NON FERROSI (limitatamente al minerale di manganese)
  • 08 ALTRE ATTIVITÀ DI ESTRAZIONE DI MINERALI DA CAVE E MINIERE
  • 08.92 ESTRAZIONE DI TORBA (tutta la classe)

C – ATTIVITÀ MANIFATTURIERE – L’esclusione si applica alle seguenti divisioni:

  • 10 INDUSTRIE ALIMENTARI – l’esclusione si applica a tutta la divisione, a tutti i gruppi, a tutte le classi, ad eccezione delle seguenti sottoclassi:
    ✓ 10.13.00 produzione di prodotti a base di carne
    ✓ 10.51.10 Trattamento igienico del latte
    ✓ 10.51.20 Produzione dei derivati del latte
    ✓ 10.52.00 Produzione di gelati senza vendita diretta al pubblico
    ✓ 10.71.10 Produzione di prodotti di panetteria freschi
    ✓ 10.71.20 Produzione di pasticceria fresca
    ✓ 10.72.00 Produzione di fette biscottate, biscotti; prodotti di pasticceria conservati
    ✓ 10.73.00 Produzione di paste alimentari, di cuscus e di prodotti farinacei simili
    ✓ 10.82.00 Produzione di cacao in polvere, cioccolato, caramelle e confetterie
    ✓ 10.83.01 Lavorazione del caffè
  • 10.83.02 Lavorazione del tè e di altri preparati per infusi
    ✓ 10.84.00 Produzione di condimenti e spezie
    ✓ 10.86.00 Produzione di preparati omogeneizzati e di alimenti dietetici
    ✓ 10.85.00 Produzione di pasti e piatti pronti (preparati, conditi, cucinati e confezionati)
    ✓ 10.89.09 Produzione di altri prodotti alimentari nca
    ✓ 10.91.00 Produzione di mangimi per l’alimentazione degli animali da allevamento
    ✓ 10.92.00 Produzione di prodotti per l’alimentazione degli animali da compagnia
  • 11 INDUSTRIE DELLE BEVANDE – l’esclusione si applica a tutta la divisione, a tutti i gruppi, a tutte le classi, ad eccezione delle seguenti sottoclassi:
    ✓ 11.01.00 Distillazione, rettifica e miscelatura degli alcolici
    ✓ 11.04.00 Produzione di altre bevande fermentate non distillate
    ✓ 11.05.00 Produzione di birra
    ✓ 11.07.00 Industria delle bibite analcoliche, delle acque minerali e di altre acque in bottiglia
  • 12 INDUSTRIA DEL TABACCO (tutta la divisione)
  • 19 FABBRICAZIONE DI COKE E PRODOTTI DERIVANTI DALLA RAFFINAZIONE DEL PETROLIO (tutta la divisione)
  • 20 FABBRICAZIONE DI PRODOTTI CHIMICI l’esclusione si applica alla seguente classe:
  • 20.60 FABBRICAZIONE DI FIBRE SINTETICHE E ARTIFICIALI (tutta la classe)
  • 24 METALLURGIA l’esclusione si applica alle seguenti sottoclassi:
    ✓ 24.10.00 Siderurgia – Fabbricazione di ferro, acciaio e ferroleghe (tutta la classe) Per attività dell’industria siderurgica, quale definita nel trattato CECA, si intende: ghisa e ferroleghe;
    ghisa per la produzione dell’acciaio, per fonderia e altre ghise grezze; manganesifera e ferromanganese carburato; prodotti grezzi e prodotti semilavorati di ferro, di acciaio comune o di acciaio speciale, compresi i prodotti di reimpiego o di rilaminazione; acciaio liquido colato o non in lingotti, compresi i lingotti destinati alla fucinatura, prodotti semilavorati quali blumi, billette e bramme, bidoni, coils, larghi laminati a caldo; prodotti finiti a caldo di ferro, di acciaio comune o di acciaio speciale (non sono compresi i getti di acciaio, i pezzi fucinati e i prodotti ottenuti con impiego di polveri); rotaie, traverse, piastre e stecche, travi, profilati pesanti e barre da 80 mm e più, palancole, barre e profilati inferiori a 80 mm e piatti inferiori a 150 mm, vergella, tondi e quadri per tubi, nastri e bande laminati a caldo (comprese le bande per tubi e coils considerati come prodotti filamiere laminate a caldo inferiori a 3 mm, piastre e lamiere di spessore di 3 mm e più, larghi piatti di 150 mm 10 e più; prodotti terminali di ferro, acciaio comune o acciaio
    speciale (non sono compresi i tubi in acciaio, i nastri laminati a freddo di larghezza inferiore a 500 mm, eccetto quelli destinati alla produzione di banda stagnata, i trafilati, le barre calibrate e i getti di ghisa; latta, lamiere piombate, banda nera, lamiere zincate, altre lamiere rivestite, lamiere laminate a freddo)
  • 29 FABBRICAZIONE DI AUTOVEICOLI, RIMORCHI E SEMIRIMORCHI l’esclusione si applica alle seguenti classi: 29.10 FABBRICAZIONE DI AUTOVEICOLI (tutta la classe) 29.20
    FABBRICAZIONE DI CARROZZERIE PER AUTOVEICOLI, RIMORCHI E S EMIRIMORCHI (tutta la classe) 29.32 FABBRICAZIONE DI ALTRE PARTI ED ACCESSORI PER AUTOVEICOLI (tutta la classe ad eccezione del 29.32.09 “Fabbricazione di altre parti ed accessori per autoveicoli e loro motori nca”
  • 30 FABBRICAZIONE DI ALTRI MEZZI DI TRASPORTO
  • 30.1 COSTRUZIONI DI NAVI E IMBARCAZIONI – L’esclusione si applica alla seguente sottoclasse: 30.11.02 “Cantieri navali per costruzioni metalliche e non metalliche (esclusi i sedili per navi)” (tutto il gruppo, ad eccezione della classe 30.12.00 “Costruzione di imbarcazioni da diporto e sportive”
  • 33 RIPARAZIONE, MANUTENZIONE ED INSTALLAZIONE DI MACCHINE ED APPARECCHIATURE 33.15 RIPARAZIONE E MANUTENZIONE DI NAVI E IMBARCAZIONI
    (ESCLUSI I LORO MOTORI) (tutta la classe ad eccezione della 33.15.00 “Riparazione e manutenzione di navi commerciali e imbarcazioni da diporto (esclusi i loro motori)

H – TRASPORTO E MAGAZZINAGGIO Limitatamente agli investimenti in automezzi effettuati da imprese la cui attività principale rientri nel settore dei trasporti. Sono esclusi i seguenti gruppi:
49.41.00 TRASPORTO MERCI SU STRADA (per conto terzi).