Biodiversità, Interventi di riqualificazione

Tempistica: Le domande devono essere presentate entro il 21/12/2018

Territorio di riferimento: Regione Toscana

Oggetto: Interventi di riqualificazione del paesaggio, in particolare attraverso la ricostituzione di aree verdi o aree umide, anche con funzione di corridoi ecologici di connessione di aree ad elevato pregio naturalistico, attraverso le quali contribuire al ripristino e al miglioramento della biodiversità degli ambienti rurali.

Soggetti proponenti: Possono presentare domanda:
‐ Agricoltori singoli e associati.
‐ Gestori di terreni agricoli, singoli o associati.
‐ Enti pubblici anche a carattere economico, altri soggetti/enti di diritto privato e pubblico, singoli o associati.

Biodiversità, contribuire al ripristino e al miglioramento della biodiversità degli ambienti rurali

Progetti finanziabili: Sono finanziabili le seguenti tipologie di investimenti:
– la realizzazione o il ripristino di siepi, alberature con specie autoctone o comunque tradizionalmente presenti nel territorio, con funzione di corridoi ecologici;
– il ripristino di elementi tipici del paesaggio, quali abbeveratoi, fontane, sentieri, muri di sostegno della viabilità, tabernacoli, con l’impiego di materiali e tecniche tradizionali locali;
– la creazione e il recupero di zone umide finalizzate alla conservazione della biodiversità; sono previsti interventi su:
a) zone umide temporanee: occupate da acqua almeno nel periodo compreso tra Ottobre e Marzo;
b) zone umide permanenti: occupate da acqua per tutto l’anno;
– la costruzione di strutture per l’abbeveraggio e l’alimentazione della fauna selvatica;
– la realizzazione di recinzioni e altre attrezzature per rendere compatibile, in particolar modo nelle aree protette e negli ecosistemi naturali o rinaturalizzati, l’attività agricola e di allevamento con la tutela della fauna selvatica (in particolare di quella a rischio di estinzione, come il lupo, ma anche di altre specie come gli ungulati);
– la realizzazione o il ripristino di muretti a secco, terrazzamenti, gradonamenti, ciglionamenti, lunettamenti che comprendono interventi di ripulitura del terreno, scavo, realizzazione del piano di fondazione, risagomatura del terreno, realizzazione di muri di sostegno costituito da elementi litici reperiti preferibilmente in loco, secondo le tecniche costruttive tradizionali locali;
– la realizzazione o il ripristino di opere (fossi acquai, fosse livellari, acquidocci, scoline di guardia) per la regimazione delle acque superficiali in eccesso e di laghetti per la raccolta dei deflussi superficiali che comprendono l’esecuzione di interventi di ripulitura del terreno, scavo, affossatura e risagomatura del terreno.

Spese ammissibili: Sono ammissibili le seguenti tipologie di spesa:
a) costruzione o miglioramento di beni immobili;
b) acquisto o leasing di nuovi macchinari ed attrezzature fino a copertura del valore di mercato del bene;
c) spese generali collegate alle spese di cui alle lettere a) e b), come onorari di professionisti e consulenti, compensi per consulenze in materia di sostenibilità ambientale ed economica inclusi studi di fattibilità. Gli studi di fattibilità rimangono spese ammissibili anche quando, in base ai loro risultati, non sono effettuate spese a titolo delle lettere a) e b).

Retroattività: No

Agevolazioni:
Tipologia di agevolazione: contributo a fondo perduto
Intensità di agevolazione: 100%
Importo minimo concedibile: € 5.000,00
Importo massimo concedibile: € 50.000,00

Documentazione:

  • Visura camerale aggiornata
  • Preventivi di spesa

La Profima Srl si riserva la facoltà di richiedere, attraverso i suoi progettisti, documentazione ulteriore e aggiornata ai fini della progettazione.

Per conoscere altre opportunità di finanziamento consultate il nostro sito