Via libera agli incentivi del Bonus Sud sulle assunzioni dei primi quattro mesi del 2019!

Chi nel mezzogiorno ha assunto stabilmente giovani (16-34 anni d’età) e meno giovani (più di 34 anni d’età purchè privi di impiego retribuito da sei mesi), disoccupati, da gennaio fino ad aprile, ha diritto ad un anno di esonero contributivo, nel limite di € 8.060,00.

A stabilirlo è l’Anpal con il decreto n. 311/2019, dando attuazione alla legge n. 58/2019 di conversione del dl n. 34/2019 (c.d. Decreto Crescita) che ha corretto l’operatività dell’incentivo ( in precedenza limitato solo ai mesi da maggio a dicembre 2019) destinandovi € 200.000.000,00 di risorse.

Territorio di riferimento: Regioni meno sviluppate: Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia;

Regioni in transizione: Abruzzo, Molise, Sardegna.

Beneficiari: datori di lavoro privati (escluse le p.a.).

Assunzioni agevolate: l’incentivo spetta a datori di lavoro che assumano con:

  • Contratto a tempo determinato (anche a scopo di somministrazione)
  • Apprendistato professionalizzante

Assunzioni non agevolate: lavoro domestico, occasionale e  intermittente.

Incentivi: l’importo dell’incentivo è pari ai contributi dovuti all’Inps dal datore di lavoro con esclusione di premi dovuti all’Inail, per un periodo di 12 mesi dall’assunzione, fino ad un importo massimo di € 8.060,00. In caso di lavoro a tempo parziale, il bonus spetta in misura proporzionalmente ridotta.

 

Fonte: Italia Oggi